Look at the mirror

Il forum è ormai purtroppo deserto. Se avete bisogno di aiuto però potete contattare l'admin Angelo Decaduto, vi scriverà subito sia per email che per messaggio privato, nella maniera che più vi torna comoda.
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista utentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Disforia di genere, spiegazione da Wikipedia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Angelo Decaduto
Admin
avatar

Messaggi : 597
Data d'iscrizione : 28.08.10
Età : 23
Località : Viareggio

MessaggioOggetto: Disforia di genere, spiegazione da Wikipedia   Dom Ago 29, 2010 9:34 pm

Tratto da Wikipedia:

Il disturbo dell'identità di genere (spesso abbreviato in DIG), detto anche disforia di genere, è una condizione in cui una persona ha una forte e persistente identificazione nel sesso opposto a quello biologico o comunque a quello assegnato anagraficamente alla nascita. Il termine disforia di genere venne introdotto nel 1971 da Donald Laub e Norman Fisk. Il DIG è indipendente dall'orientamento sessuale e non va confuso con esso: infatti una transessuale da maschio a femmina (MtF) può essere eterosessuale o lesbica, così come un transessuale da femmina a maschio (FtM) può essere eterosessuale o gay. Alcuni studi hanno trovato un rapporto fra orientamento sessuale e soggetto con transessualismo primario o secondario, tuttavia la stessa definizione di transessualismo primario o secondario può essere discutibile.

Il DIG è catalogato fra i disturbi mentali del DSM-IV (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali), tuttavia viene definito autenticamente transessuale (per l'ottenimento del consenso per il cambio di sesso) solo chi non ha psicopatologia associata, in altre parole, chi non ha un disturbo mentale. Secondo Peggy Cohen-Kettenis, questa contraddizione è dovuta più che altro a motivi pratici: ad esempio, se non fosse classificato come disturbo mentale nel DSM-IV, le compagnie assicurative di diversi Paesi non coprirebbero le spese di trattamento. Questo problema sta venendo discusso riguardo alla stesura della prossima edizione del manuale, il DSM-V (previsto per il 2011).
Secondo il DSM-IV, i criteri diagnostici per identificare il disturbo dell'identità di genere sono i seguenti:

-Il soggetto si identifica in maniera intensa e persistente con individui di sesso opposto (a quello anagrafico)
-Questa identificazione non deve essere semplicemente un desiderio di qualche presunto vantaggio culturale derivante dall'appartenenza al sesso opposto (a quello anagrafico).
-Deve esserci l'evidenza di una condizione di malessere persistente o di estraneità riguardo al proprio sesso anagrafico.
-L'individuo non deve presentare una condizione di intersessualità (es. sindrome di insensibilità agli androgeni o iperplasia surrenale congenita)
-Deve esserci un disagio clinicamente significativo o compromissione in ambito sociale, lavorativo e nelle relazioni interpersonali.

Anche secondo Anne Vitale il manuale sarebbe da rivedere: in seguito ai suoi studi, propone una sua teoria e suggerisce che il termine disturbo di identità di genere venga rinominato disturbo d'ansia da deprivazione dell'espressione di genere (Gender Expression Deprivation Anxiety Disorder o, in sigla, GEDAD).

Fonti diverse indicano stime diverse sul numero di individui con distrurbi dell'identità di genere:
1 su 10-12.000 nati maschi e 1 su 30.000 nati femmine
1 su 30.000 nati maschi e 1 su 100.000 nati femmine
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://lookatthemirror.forum-attivo.com
 
Disforia di genere, spiegazione da Wikipedia
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Esiste un genere musicale migliore di un altro?
» spiegazione esaustiva del fenomeno della "possessione"
» L'onicofagia e i relativi trattamenti
» Relatività
» Waffles o Waffels?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Look at the mirror :: Noi :: Spiegazioni-
Andare verso: